#3 La fame aguzza l’ingegno – lunedì 3 ottobre – dopocena

FOODA ringrazia tutti i partecipanti alla CROSS DINNER di lunedì scorso in Appartamento LAGO per la bella serata e lo spirito di partecipazione che ha permesso di approfondire il temma della crisi e dell’alimentazione. Sono sorti temi e riflessioni molto interessanti. Ecco un  riepilogo invitandovi a continuare la conversazione on-line o (meglio ancora) di persona:

– Di chi è la responsabilità dell’educazione alimentare?
– Le scelte fatte a tavola sono anche scelte politiche?
– Come rendere evidente a tutti la relazione tra cibo ed energia?
– Le persone vogliono essere consapevoli?
– La gamificazione dei consumi può essere una strategia educativa? In che modo?
– In che modo le mode possono innescare fenomeni positivi di apprendimento e partecipazione?
– Cos’è il valore e cosa significa dare valore al cibo?

#3 La fame aguzza l’ingegno – lunedì 3 ottobre – a tavola con:

Marco Porcaro: sono uno dei founder di Geomercato una piattaforma internet per la vendita diretta e per la distribuzione di prodotti agricoli locali. Mette in contatto produttori e consumatori tramite Internet e organizza la consegna della spesa a domicilio. Sono interessato ai temi legati al food e alla sua distribuzione locale.

Pepa Cerruti: Editor e giornalista con la passione per la gastronomia. Scrivo sul mensile di viaggio Meridiani dove spesso parlo del cibo del mondo, dalla Norvegia al Madagsascar.

Sabato Manzo: penso di poter portare la mia esperienza di come la crisi abbia rimodulato la strategia commerciale di un’azienda che si occupa di produzione di zuppe!
Abbiamo vinto diversi premi (Sial, Parigi\ TuttoFood Milano\ Anuga Colonia) come prodotto innovativo nell’ambito di proposta di un pasto veloce in un pack esay to go.
MO è il nostro nuovo marchio. Vorrei potervelo raccontare da vicino insieme al mio socio che sviluppa tutta la parte operativa.

Ravi Bellardi: studente di laurea magistrale in Ecodesign presso il Politecnico di Torino. Sono a Torino per un accordo di doppia laurea con la mia università in Brasile dove ho sviluppato alcune ricerche accademiche relative al Food Design e questa è stata la mia principale area di attività legate alla progettazione. Vorrei entrare in contatto con FOODA e essere coinvolto nelle sue attività. Questo è il motivo del mio interesse a partecipare alla Cross Dinner.

Angela De Marco: consulente per le strategie di marca presso Robilant&Associati. Ho lavorato anche con numerosi brand del settore Food&Beverage, tra cui Amadori, Ferrari, Gancia. Sono convinta che in questa fase di crisi occorra ripensare la relazione tra noi consulenti e le imprese e tra le imprese e i consumatori. Spero che la fonduta di pecorino mi aiuti a ragionarci…

Mauro Forconi: startupper impenitente, le ha provate tutte, dal marketing online al Social Lending. Produttore di montepulciano e vino cotto nel sud delle Marche.

Diego Giovanni Tommaso Bevilacqua: laureato in Scienze e tecnologie Alimentari, lavoro come food contact expert (consulenza tecnico legislativa su imballaggi e materiali a contatto con alimenti) da 4 anni e sono buongustaio da sempre. Mi piace cucinare e creare in cucina, socializzare dietro un bicchiere di vino e un piatto di pasta.

Federica Bocina: Innovation Manager in Barilla, dopo aver vissuto il mondo Ferrero e successivamente anni di consulenza in UK come Strategic Designer, sempre in ambito Food&Beverage. Curiosa e Buongustaia mi interessa tutto ciò che gira attorno alla CREAZIONE e alla scelta attenta dei dettagli: combinazioni/texture/tempi/profumi/sapori che fanno del cibo e dell’alimentazione una questione di Cultura del Gusto. Nuove interazioni e nuovi scenari di esperienza senza scordare il profondo valore del “Saper fare”.

Erica Sartori: Gestisco un’ eco libreria a Milano e organizzo eventi che hanno l’obiettivo di diffondere la cultura della sostenibilità. Lavoro per Valcucine. Mi interessa il food sia per soddisfare il palato, ma anche come strumento per evolvere e imparare prestare maggiore attenzione al mondo che ci circonda, soprattutto attraverso le scelte. Ci vediamo a tavola 😉

Tomaso Cascione: International Marketing Manager, responsabile per l’innovazione e lo sviluppo di nuovi prodotti di Vileda. La cucina vista prima e dopo aver cucinato. Appassionato incorreggibile di cucina e di viaggi, ricercatore ostinato di “posticini” in giro per il mondo.

Giuseppe Fondacaro: In prima linea sullo sviluppo di un nuovo format di ristorazione e non solo, entrato da pochissimo a far parte di questo progetto, ho finalmente ritrovato la passione che mi lega fin da piccolissimo a questo mondo. Parola d’ordine, non si finisce mai d’imparare!

Cecilia Cattoni: neolaureata in Design di Interni presso il Politecnico di Milano. L’anno del 2011 è stato finalmente dedicato alle mie più grandi passioni e attitudini:
fotografia, food events e food design che ho approfondito grazie a corsi di specializzazione presso la Naba. Sono una persona creativa a cui piace “sporcarsi le mani” lavorando e sperimentando più discipline/ambiti contemporaneamente.

#1 Da virtuale a reale – mercoledì 6 luglio – convitati

Ecco qui i profili degli iscritti per la prima CROSS DINNER di mercoledì 6 luglio.

Alessandro Donadio: Sono un 38enne che fa impresa. Appassionato di organizzazioni e persone.

Cecilia Melli: Bellissima l’idea dei cross dinner! Molto new york… C’è ancora un posticino per me? Sono Cecilia! E temo di aver già esaurito i 140 caratteri… Ho 28 anni e vivo a Milano, sui navigli perchè mi piace l’acqua. Lavoro come freelancer perchè mi fa sentire viva e curiosa, nonostante tutto. Il mio segno zodiacale è acquario, e mi rappresenta davvero bene. Sono molto felice di poter partecipare al primo incontro, grazie!

Antonio Ferrario: 38 anni, vivo e lavoro a Milano, ma con la testa sono sempre in viaggio alla ricerca di esperienze per tutti i “sensi”, gusto in testa come si intuisce facilmente incontrandomi.  Amo l’avventura, l’esplorazione e tutte le cucine del mondo

Cristina Simone: 28enne ciociara trapiantata a Milano da 3 anni. Affetta da shopping compulsivo e crisi da disconessione! E non mi separo mai dall’iphone

Maria Greco Naccarato: Home economist, food Stylist. Sul mio sito e sul mio blog tutte le informazioni che 140 caratteri non possono spiegate

Arianna Marinoni: Ho un telefono che NON fa anche il caffè e non sono una social network addicted, ma solo perché non sono ancora diventati abbastanza “real + virtual”. Quindi…wow la cross dinner! Posso venire anche io? (ah, sono anche vegetariana, quindi il menù è proprio perfettissimo!)

Andrea Romoli: Brillante, empatico, adrenalinico, buongustaio, viaggiatore, abitante nel cyberspazio

Angela Cocchiarella: Sono un mix: a volte aperta, altre chiusa, donna sì, ma anche un po’ maschiaccio, un’instancabile sognatrice che ancora sta imparando a stare con i piedi per terra, pronta a mettersi in viaggio per riscoprirsi!

Francesca Scherini: Amo le situazioni conviviali e, forse perché non so cucinare, credo da sempre che  il piatto forte delle cene siano i commensali! Ecco perchè mi farebbe molto piacere sedere al vostro tavolo

Moira Francesca Torri: 34 anni, vivo e lavoro a Bergamo. Sono sempre proiettata verso il futuro. Amo la natura, stare con amici e la buona cucina

Marco Gialdi: Vivo di idee mi nutro di entusiasmo, mi esprimo con la cucina e la fotografia

Settimia Ricci: Sono giornalista free-lance e oltre a collaborare con riviste di nicchia mi occupo di uffici stampa. I settori che preferisco trattare sono enogastronomia, moda e bellezza, arte, artigianato e design, cultura, e poi anche problematiche sociali legate all’infanzia (sono volontaria nelle scuole primarie). Non so se sono proprio 140 battute esatte ma spero che possa bastare, altrimenti potete consultare il mio blog